Prenota una camera

Nome:

Cognome:

Email:

Camera:

Trattamento:

Arrivo:

  your selectionOK

Partenza:

  your selectionOK

Richieste:

Inserisci i caratteri che vedi nel campo sottostante.

captcha

Clicca per leggere l'informativa sulla Privacy

Confermo di aver letto l'informativa e fornisco il consenso.(Spuntare la casella per confermare)

Bolsena, Orvieto, Civita di Bagnoregio “La citta che muore”, Viterbo, Tuscania, Tarquinia e “Vulci”, Sovana, Pitigliano, Saturnia, Pienza, Montepulciano, Siena, Assisi.

bolsenaok

 

Il Lago di Bolsena è il più grande lago vulcanico d’Europa. Le due isole Martana e Bisentina (resti di piccoli coni vulcanici), dopo anni di abbandono vengono restituite all’attenzione del pubblico.
Bolsena è la città del miracolo eucaristico avvenuto nel 1263 nella basilica dedicata ai santi Giorgio e Cristina.
Nel 1264 venne istituita la festa del Corpus Domini, la festa viene celebrata ogni anno con una processione e con la tradizionale “Infiorata” durante la quale le strade si ricoprono di tappeti floreali.

sangiorgio
 Non meno importante è la festa di Santa Cristina, martire e patrona della città.
Ogni anno la sera del 23 luglio e la mattina del 24, vengono rievocati i martirii di Santa Cristina tramite dei quadri plastici viventi chiamati “Misteri”.

Santacristina

E’ d’obbligo inoltre la visita al castello Monaldeschi della Cervara, che da alcuni anni ospita il “Museo del Lago”, dove si possono ammirare importanti reperti geologici ed archeologico, dall’età del bronzo e del ferro al periodo Etrusco-Romano.
Interessanti i resti della città Etrusco-Romana di Volsinii venuti alla luce nei pressi della Rocca Monaldeschi.
La meta più classica è Orvieto, la città gemella con cui Bolsena condivide la sacralità del Corpus Domini.

Orvieto

Da visitare: il Duomo, il Pozzo di San Patrizio e la necropoli etrusca.
Da Orvieto si può proseguire alla volta di Civita di Bagnoregio, il borgo medievale denominato “la Città che muore”.
Per salire all’antico borgo, occorre percorrere un ponte spettacolare di circa 200 metri, accessibile solo ai pedoni.

Civita_di_Bagnoregio

Da Bagnoregio si punta verso Viterbo, capoluogo della provincia.
Da visitare: il quartiere medievale di San Pellegrino, il santuario di Santa Rosa, il Palazzo dei Papi sede del primo e più lungo conclave della storia dei Papi della Chiesa Cattolica.

palazzopapi

A quattro chilometri da Viterbo si trova la bellissima Villa Lante, capolavoro del Rinascimento Italiano.

lante

Si può poi proseguire verso Tuscania, cittadina conosciuta sopratutto per le chiese romaniche di San Pietro e Santa Maria Maggiore e per le sue necropoli etrusche.

Tuscania - Viterbo - chiesa di San Francesco
Da Tuscania si passa a Tarquinia, importante per la grande ed imponente necropoli etrusca con le sue tombe dipinte e per il Museo Nazionale Etrusco.

etruschi
Dopo Tarquinia troviamo Vulci, dove si può visitare la necropoli etrusca vicino al castello e al ponte dell’Abbadia.
Un altro itinerario è quello che si spinge fino alla Toscana. Da vedere: Sovana, piccolo borgo importante per la Tomba Ildebrandesca; Pitigliano con il suo centro storico ed infine Saturnia, importante centro termale dell’Etruria.
Con un’ora di macchina si raggiungono Pienza e Montepulciano, nonchè Siena ed Assisi.

italyGermanEnglish